💦 L’ Auto Massaggio Drenante 💦

L’efficacia di ogni prodotto cosmetico  è nella costanza unita alla giusta modalità d’uso.

Seguendo piccole ,ma importanti regole, aumentano i benefici ma specialmente i risultati.

Usare con continuità una buona Crema con ingredienti totalmente Naturali e Bio Certificati, applicata in modo corretto ,darà nel tempo un vero e proprio rimodellamento oltre ad una pelle detossinata e tonica.

 

Si pensa che solo lo sforzo in palestra sia utile, ma non è proprio così: infatti la Pelle se non idratata,potrebbe  per paradosso ,peggiorare.

Quante Donne sono toniche , ma hanno un aspetto stanco,ed un epidermide opaca e secca?

Basta semplicemente pensare  che come per il nostro fisico è indispensabile bere sempre  molta acqua ,lo stesso vale per la nostra pelle, spesso soggetto a stress,inquinamento,sbalzi di temperatura,che vanno a peggiorare la giusta idratazione.

 

Ricordiamoci che l’età si dimostra dall’aspetto sano della nostra epidermide....

 

Vediamo ora come effettuare un auto massaggio drenante ,scoprendo i punti chiave per ottenere un buon risultato.

 

 

  • Sistema linfatico

Per capire l'utilità di attuare un auto massaggio drenante va chiarito che il sistema linfatico è il sistema di drenaggio del nostro corpo. Tramite questo vengono veicolati proteine, liquidi e lipidi utili al corretto funzionamento di noi stessi. È quindi indispensabile stimolarlo quando ha qualche difficoltà. 

 

  • Punti strategici su cui agire

Ricordate che esistono delle zone chiave su cui andare ad agire: il tendine d'Achille, le ginocchia e la zona inguinale. Ovviamente vanno "toccati" con le giuste modalità.

 

  • Come operare un auto massaggio drenante

 

Si parte sempre dal basso, dai piedi per “spingere” i fluidi verso l'inguine, il centro nevralgico del sistema linfatico. Potete associare un bel pediluvio che è comunque un ottimo sgonfiante per tutta la gamba e iniziare la manipolazione andando ad agire con delle pressioni sul tendine di Achille, esattamente dietro alla caviglia e seguire con un dito risalendo verso il polpaccio. Questa sequenza per 3 volte. 

 

Ora fate dei movimenti circolari, semplicemente sfiorando con la punta delle dita, attorno al malleolo (l'osso sporgente a lato della caviglia), ne bastano 4 o 5. E ora usando tutta la mano, partendo dalla caviglia, eseguite sfioramenti, accarezzando la gamba, sempre dal basso verso l'alto, sia sul polpaccio che frontalmente. Risalite sino al ginocchio e ripetete per 3 o 4 volte. Dopo, ripercorrete lo stesso percorso ma con una azione più energica, decisa, ma senza esagerare.

 

Andate poi a lavorare sui muscoli del polpaccio, afferrate ognuno con entrambe le mani in modo che i pollici possano andare a fare delle pressioni decise e precise, ne vanno operate tre alternate per ogni pollice.

E ora “attaccate” il ginocchio, zona dove spesso il ristagno di liquidi “c'è ma non si vede” palesemente. Con i pollici andate a fare delle pressioni tutto attorno alla rotula. Bisogna agire due o tre volte in questo modo. 

 

Per massaggiare la coscia, usando palmi e dita, bisogna agire con una pressione avvolgendola con entrambe le mani e risalendo verso l'alto. Da ripetere tre volte per gamba. Zona molto importante è l'interno coscia, che spesso viene trascurato. Perfetti sono dei pizzicotti da eseguire tirando la pelle verso l'alto, fatene 2 o 3 serie da cinque o sei “tocchi”.

 

Ultima azione sulla coscia, nella parte frontale: afferratene una con entrambe le mani partendo da sopra il ginocchio e stringete e rilasciate lentamente, contemporaneamente risalite verso l'alto. E ora ripetete sull'altra gamba.

Per finire ripartite dalla caviglia con dei semplici sfioramenti e risalite sino all'inguine, questo su entrambi gli arti.

 

L'auto massaggio drenante è utilissimo, oltre che per sgonfiare, anche per rilassare e aiutare a contrastare la cellulite.